Si aggrappa per 30 chilometri al portellone di un tir per non lasciare scappare il camionista che ha investito e ucciso la moglie. La tragica e mirabolante vicenda è accaduta sull’autostrada Br-101 nel sud del Brasile. I protagonisti, loro malgrado, sono Anderson Antonio Pereira e sua moglie Sandra. I due erano usciti sulla nuova moto per un giro all’aria aperta ma sono stati travolti da un enorme autoarticolato che, nonostante l’incidente che ha distrutto la moto e lasciato la donna per terra senza in condizioni critiche, ha continuato la sua corsa a razzo sull’autostrada.

Il camionista non aveva però fatto i conti con la rabbia di Pereira che dopo qualche centinaio di metri è riuscito a raggiungere il tir in fuga e ad aggrapparsi al portellone del guidatore. Come testimoniato da diversi guidatori presenti in quei minuti in autostrada, l’uomo sarebbe rimasto aggrappato per quasi 30 chilometri, fino a quando l’autista omicida si è fermato. Il conducente del tir, secondo diversi testimoni in stato di ubriachezza, è stato accerchiato da diverse persone tra cui Pereira ed infine arrestato. La moglie di Pereira purtroppo è spirata all’ospedale per le gravi lesioni provocate dell’incidente con il tir.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il “pesce zombie” fa gioire i ricercatori: dichiarato estinto, è ricomparso

next
Articolo Successivo

Adottata alla nascita, cerca i suoi genitori naturali e fa una scoperta terribile: “Io ballavo, lui massacrava 5 persone”

next