Quaranta grammi di hashish nascosti tra il borotalco e un microtelefono all’interno di una bottiglia di bagno schiuma. È il contenuto del pacchetto destinato a un detenuto del carcere di Ferrara che ha messo nei guai un sacerdote 70enne. L’assistente spirituale, a quanto si apprende, ha consegnato il pacco lo scorso martedì e, come riporta “la Nuova Ferrara” è al momento denunciato a piede libero ed è indagato, anche se l’uomo ha affermato di non sapere nulla di quel materiale.

Il prete è l’assistente spirituale del penitenziario ed è spesso a contatto non solo con i detenuti, con cui parla e che conforta e sostiene, ma anche con i loro familiari. L’ipotesi è che qualcuno possa essersi approfittato del suo ruolo, a sua insaputa. Le indagini sono ancora in corso e la posizione del parroco è ancora da chiarire.

A far scoprire il contenuto del pacchetto un normale controllo di routine all’interno del carcere dell’Arginone: oltre agli oggetti per l’igiene personale c’erano, appunto, 40 grammi di hashish e un microtelefono. Della vicenda è stata subito informata la Procura, che ha disposto il sequestro degli oggetti ed ha poi valutato, sulla base degli elementi in possesso in quel momento e non essendovi gli estremi per ordinare altro, di adottare solo il provvedimento di denuncia a piede libero contro il sacerdote.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marina militare, primo appontaggio di un F35 Usa sulla portaerei Cavour. Quattro settimane di prove nell’oceano Atlantico

next
Articolo Successivo

“Parte la terza ondata: casi aumentano in 94 province su 107. Zone rosse locali in ritardo”. Il monitoraggio di Gimbe sul coronavirus

next