L’ombra della ‘ndrangheta sulla storica società di mutuo soccorso Cesare Pozzo, attiva dal 1877. È un’inchiesta su una maxi truffa da oltre 16 milioni di euro quella della procura di Milano. Il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza del capoluogo lombardo ha eseguito 6 misure di arresti domiciliari e una interdittiva del divieto temporaneo di esercitare l’attività di impresa. Tra gli arrestati anche gli ex vertici. Ai domiciliari è finito Armando Messineo, ex presidente della società operante nel campo della mutualità sanitaria integrativa, mentre domiciliari con braccialetto elettronico sono stati disposti per l’allora direttore generale Ferdinando Matera. Agli arresti casalinghi anche altre quattro persone (Fausto Lopez, Marco Reviglio, Christian Madeo e Mirko Faga) mentre la misura interdittiva è stata è stata inflitta al francese Luc Roger.

Anche il broker Torzi indagato – Le Fiamme Gialle hanno ricostruito una presunta truffa con operazioni finanziarie legate all’acquisto di bond ad alto rischio lussemburghesi ai danni della Cesare Pozzo. Nell’inchiesta, che ha al centro i reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata, false comunicazioni sociali e appropriazione indebita, è indagato l’uomo d’affari Gianluigi Torzi, già coinvolto nell’inchiesta vaticana sul palazzo a Londra. Il 5 giugno scorso, il broker Torzi, attivo a Londra, era stato arrestato nell’inchiesta vaticana (poi ha ottenuto la libertà provvisoria) per una presunta estorsione da 15 milioni di euro contestata dai magistrati d’Oltretevere nel quadro delle indagini sulle operazioni finanziarie legate alla compravendita da parte della Segreteria di Stato di un immobile di pregio nella capitale britannica.

I “mafia bond” – L’ombra della ‘ndrangheta sulla società si evince dalla nota del procuratore Francesco Greco che spiega come tra i beneficiari del denaro distratto, oltre al Presidente e al direttore generale pro tempore, c’è pure un “nutrito numero di soggetti – si legge in una nota firmata dal Procuratore Francesco Greco – , tutti residenti in Calabria, titolari di aziende formalmente operanti nel settore edile, alcuni dei quali risultati contigui ad ambienti della criminalità organizzata locale“. Nell’inchiesta ci sono anche i cosiddetti ‘mafia bond’, certificati di credito sulla sanità calabrese.

Uno degli intercettati parlava col killer di Rozzano – Nelle carte dell’inchiesta compare anche il nome di Vito Cosco, “il noto killer di Rozzano che nel 2003 uccise a colpi di arma da fuoco due pregiudicati e – nella stessa azione – due ignari passanti, fra cui una bambina”. “Sono emblematiche degli stretti rapporti tra la Cesare Pozzo e il gruppo ” Pandora che fa capo a Fausto Lopez (ai domiciliari) “anche alcune conversazioni captate in data 18 settembre scorso” sull’auto di Lopez. Parlando con Vito Cosco, il manager “mostrava tutta la sua preoccupazione in merito alle possibili conseguenze giudiziarie che avrebbe potuto subire Ferdinando Matera (procuratore speciale, anche lui ai domiciliari) e, di conseguenza, lui stesso, a causa dei contratti di appalto ottenuti dalla Cesare Pozzo. In tale dialogo – sottolinea il gip – Lopez ammetteva di avere ‘mangiato grazie a Matera e per tale ragione adesso non lo poteva abbandonare al suo destino”

I sequestri – La Finanza ha eseguito anche un decreto di sequestro preventivo da oltre 16,3 milioni di euro nei confronti degli indagati, tra cui pure Torzi. Il sequestro è anche a carico di società, alcune delle quali di “diritto estero”. Nelle operazioni sui bond, con cui sarebbe stata truffata per 15 milioni di euro la società attiva nel campo della mutualità sanitaria integrativa sin da fine ‘800, è emerso il ruolo di Torzi, come precisa il procuratore Greco, a proposito del blitz nell’inchiesta coordinata dall’aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Giordano Baggio e Carlo Scalas. Anche Torzi è “destinatario del provvedimento di sequestro”, perché è risultato “a capo”, con altre tre persone, “della catena di controllo dei veicoli societari esteri emittenti titoli finanziari”. Le misure sono state firmate dal gip Fabrizio Felice. Nell’inchiesta sono state “rilevate ulteriori condotte distrattive a danno della Fondo Salute sce, la prima società cooperativa europea per la salute e la tutela sociale, nata nel 2009 da un’alleanza tra la Cesare Pozzo e il gruppo mutualistico francese Harmonie Mutuelle, realizzate mediante reiterati utilizzi di carte di credito aziendali per il pagamento di beni di lusso e di spese voluttuarie, nonché attraverso la fittizia assunzione di personale legato agli indagati”.

Le accuse agli ex vertici della società – Le contestazioni a Matera e Messineo sono relative al fatto che secondo gli inquirenti “con artifici e raggiri si procuravano l’ingiusto profitto rappresentato dalla stipula di due contratti di acquisto di titoli obbligazionari, inducendo in errore gli organi interni di controllo (gli altri componenti del da e il collegio sindacale) della Cesare Pozzo”. Nello specifico Matera e Messineo hanno rappresentato al resto del consiglio di amministrazione “un quadro totalmente disallineato rispetto alla realtà dei fatti, in modo da convincerli circa la bontà dell’investimento, la sua remuneratività (garantendo interessi annui del 4%) e l’assenza di aleatorietà, anche attraverso la predisposizione di una traduzione interpolata in lingua italiana dei contratti di acquisto, nella quale era stata omessa deliberatamente la parte relativa ai rischi di perdita del capitale”. In questo modo sono riusciti a convincere il cda “a smobilizzare 15 milioni già investiti in obbligazioni di Stato e fondi italiani fruttiferi” per impiegarli nell’acquisto di 15 milioni (in due distinte operazioni), per il tramite del broker Beaumont Invest services, di titoli obbligazionari privi di rating e ad alto rischio con scadenza 2037. Una reposponsabile amministratiiva ha spiegato a verbale che i “primi 10 milioni di euro” furono “disinvestiti nel settembre 2017 da un portafoglio titoli che la Cesare Pozzo” aveva presso una banca e nell’operazione non vennero seguite “le procedure tipiche per investire, in quanto non abbiamo ricevuto in società alcun tipo di documentazione”. Stando all’imputazione di truffa, gli allora vertici della Cesare Pozzo e il broker Gianluigi Torzi, “director della Beaumont Invest service plc”, assieme ad altre tre persone legate a Torzi, si sarebbero accordati per arrivare alla “stipula” da parte della Cesare Pozzo di “due contratti di acquisto di titoli obbligazionari“, raggirando gli organi di controllo della società.

Tra le spese contestate anche quelle al nightclub – Tra le spese contestate ci sono l’acquisto di obbligazioni lussemburghesi attraverso Torzi, il pagamento di “prestazioni fittizie in favore di imprese amiche“, ma anche “acquisti ricorrenti per migliaia di euro in boutique di lusso, ritornati e negozi vari, ricorrenti e ingenti esborsi al nightclub Williams Le Roi di Milano” Spese realizzate con un “uso personalistico” di carte di credito aziendali e denunciate da alcuni ex componenti del cda. Non solo, nell’ordinanza firmata dal gip di Milano, si sottolinea come tre donne, che lavoravano in un nightclub, siano state assunte “senza una reale necessità e soprattutto senza una reale controprestazione lavorativa”.

Il caso della finta compravendita dei quadri di Rotella – Nell’inchiesta c’è anche un’operazione “di finta compravendita”, tra Matera, all’epoca dg della Cesare Pozzo, e una delle società del gruppo di Torzi. Oggetto della finta compravendita sono due quadri del noto artista Mimmo Rotella. Due “quadri – scrive il gip – periziati da un professionista pagato dalla Cesare Pozzo, che Matera aveva ceduto a una società del Gruppo Torzi, ricevendo in pagamento del denaro dal broker dell’investimento obbligazionario”. Tra l’altro, sempre nel provvedimento si legge che quei quadri sarebbero stati fatti “sparire” a fine ottobre scorso da Armando Messineo, ex presidente, “temendo il ritrovamento nel corso di una perquisizione“. La moglie di Messineo, infatti, intercettata diceva che il marito aveva “strappato i quadri con l’intenzione” di “smaltirli in una ‘piattaformà ecologica”. Uno dei figli le chiedeva: “Ma perché li ha rotti?”. E la donna replicava: “Li ha rotti perché ha detto magari vengono a vedere qualcosa…”. Tra l’altro, il giudice fa notare che “appare piuttosto singolare che la Cesare Pozzo abbia commissionato una perizia” sulle opere d’arte per 121mila euro, cifra “praticamente coincidente con un bonifico che Beaumont”, società riferibile a Torzi, ha “fatto a Matera” di 122mila euro “proprio dietro lo schermo giustificativo della cessione di alcune opere d’arte”. Una vicenda, per il gip, “emblematica” nel contesto delle operazioni emerse nell’inchiesta.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Palamara, Clementina Forleo: “La magistratura non ha voluto cacciare i mercanti dal tempio”

next
Articolo Successivo

Frode nel settore delle rinnovabili, indagata l’ex presidente facente funzione della Calabria. Sequestri per 14 milioni di euro

next