di Donatello D’Andrea

Lucia Borgonzoni, Nicola Molteni, Rossano Sasso, Stefania Pucciarelli e chi più ne ha più ne metta. Anche alcune riconferme non fanno ben sperare.

I risultati della partita dei sottosegretari certificano la sconfitta dell’Italia, degli italiani e della loro capacità di decidere da chi farsi rappresentare. Al contempo le nomine rendono con chiarezza la situazione politica, culturale e sociale del momento. Una nitida fotografia del grave stato di agonia del sapere in questo Paese, del clima sociale e soprattutto del livello medio degli elettori.
C’è davvero di tutto in queste nomine.

Chi si vanta di non leggere un libro da tre anni, ad esempio, è il sunto di un popolo che ha smesso di dedicare ai libri l’attenzione che meriterebbero. Chi fa flash mob contro migranti e cita a caso Topolino, scambiandolo per Dante, è la fotografia di quella altera ignoranza e fiera superficialità che contraddistinguono da anni una parte dell’opinione pubblica.

Chi appoggia i forni crematori per i migranti, poi, rappresenta degnamente la cattiveria di una parte sempre più consistente di italiani. E via dicendo… Tra la spocchia di chi crede di saperne di più, i complotti vari – c’è chi non crede allo sbarco sulla Luna – e il ritorno di chi aveva progettato i decreti sicurezza, questo governo ha il merito – o demerito, dipende dalla coscienza di ognuno di noi – di aver dato luogo a uno dei pastoni melmosi più incredibili della storia della Repubblica.

Un ottimo lavoro, non c’è che dire. Alcuni diranno che Draghi non poteva fare miracoli con la materia prima che aveva, cioè la classe dirigente, e hanno ragione. Ma il solo fatto che l’ex Bce, che non voleva viceministri ma solo sottosegretari, abbia ceduto ai partiti, significa che questi abbiano imposto la propria classe dirigente senza un’adeguata selezione. Insomma, per farla breve quei nomi sono figli di una selezione apposita e non di una “scelta tra i migliori”.

A giudicare dai nomi, e soprattutto dalle posizioni occupate dai partiti (tipo il Pd che esce dall’Interno per lasciare posto alla Lega o l’ingresso di Fi alla Giustizia) non sarà tutte rose e fiori. Questo ormai è chiaro. Sarà una quotidiana guerra di posizione, un po’ come nel precedente governo, con la differenza che i partiti da mettere d’accordo non saranno più quattro ma molti di più. Un capolavoro tattico. Come no.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un’offerta volontaria. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte per me non dovrebbe accettare la guida del M5s

next
Articolo Successivo

Covid, Salvini: “Parlare già oggi di una Pasqua chiusi in casa mi sembra irrispettoso per gli italiani”

next