È accusata di cospirazione per la distribuzione di cocaina, metanfetamina, eroina e marijuana destinata all’importazione negli Stati Uniti, ma anche di complicità nell’organizzazione della fuga del marito, il boss dei boss del narcotraffico, attraverso un tunnel lungo un miglio, dalla prigione di massima sicurezza di Altiplano, in Messico, nel luglio 2015. Emma Coronel Aispuro, moglie di ‘El Chapo’, è stata arrestata in Virginia, negli Stati Uniti, all’aeroporto internazionale di Dulles e oggi dovrà comparire per la prima volta dinanzi a un giudice federale. Coronel, 31 anni, ha doppia cittadinanza americana e messicana.

Secondo l’accusa, Coronel ha collaborato con i figli di El Chapo, acquistando un appezzamento di terreno vicino alla prigione, armi da fuoco, un camion blindato e facendo arrivare al marito un orologio munito di Gps. Nel 2019, Guzmán è stato condannato all’ergastolo. Durante il processo a New York, Coronel è andata in tribunale ogni giorno, anche quando tra le prove mostrate c’erano scambi di messaggi tra suo marito e una delle sue amanti. Prima della condanna, intervistata in tv, descrisse Guzmán come un uomo “umile”, lamentandosi dei media che avevano reso El Chapo “troppo famoso”.

Emma Coronel è nata a Santa Clara, in California, ed è la figlia di Ines Coronel Barreras, luogotenente di medio rango del cartello messicano di Sinaloa, stato di origine di Guzman. Coronel è cresciuta nel “triangolo d’oro” della Sierra Madre messicana e, secondo quanto riferito, incontrò Guzmàn, all’epoca 51enne, quando aveva solo 17 anni. La coppia ha due figlie gemelle di nove anni.
Mentre El Chapo ha sempre mantenuto un basso profilo nonostante la fama, la moglie ha spesso cercato l’attenzione dei riflettori. Ha lanciato una linea di abbigliamento, con alcuni articoli decorati il volto di ‘El Chapo’, e ha tentato di affermarsi come influencer sui social media con un profilo Instagram attentamente curato. È anche apparsa brevemente in un reality show americano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Georgia, arrestato leader dell’opposizione: il video del blitz con i lacrimogeni nella sede del partito

next