di Domitilla De Gironimo

Non è facile dimenticare quello che è successo, ma c’è gente che, come se nulla fosse, lo fa. Per questo motivo, ad un anno dall’inizio di tutto, voglio invitarvi a non dimenticare.

Innanzitutto, a non dimenticare i medici e operatori sanitari che hanno salvato e stanno tuttora salvando le nostre vite, anche perdendo la loro. A non dimenticare i primi casi di Covid-19 in Italia, le prime zone rosse e le vittime che questo virus ha fatto e continua a fare. A non dimenticare la paura e il silenzio assordante delle strade vuote, così vuote da poter sentire a distanza l’eco di una serranda abbassata.

Non dobbiamo dimenticare che siamo stati i primi in Europa ad essere attaccati dal virus e nemmeno che gli unici paesi che ci sono venuti in aiuto sono stati l’Albania, la Cina e Cuba, mentre gli altri chiudevano i confini. Non dobbiamo dimenticare Boris Johnson, che si vantò di aver stretto la mano a tutti i pazienti ricoverati per Covid-19, per poi essere ricoverato lui stesso poco dopo e curato nientemeno che da un medico italiano. Vi invito a non dimenticare anche l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che suggerì agli statunitensi di iniettarsi il disinfettante per schermarsi dal Covid-19.

Non dimentichiamoci della polizia che ci passava sotto casa con i megafoni, per dirci di rimanere a casa. Ma non dimentichiamoci nemmeno del senso di appartenenza e solidarietà che si era instaurata in quei primi mesi di terrore, quando cantavamo “Volare” dai nostri balconi, e degli arcobaleni e bandiere tricolore che tappezzavano le nostre strade. Non dimentichiamo di quando la nostra relazione con il mondo esterno era limitata alle nostre finestre o balconi, quando avere dei fiori sul proprio davanzale dava una sensazione di gioia e un minimo di collegamento con la natura. Di come ogni giorno sembrava uguale a quello prima o a quello dopo.

Non dobbiamo dimenticarci il timore con cui abbiamo fatto i primi passi fuori di casa, ma anche la strana sensazione di avere il cielo al posto del soffitto sopra le nostre teste. Vi ricordate che, storditi dai mesi passati a casa, non sapevamo nemmeno che stagione fosse o come vestirci? Non dimentichiamoci di come tutto quello che ci sembrava scontato adesso non lo è più, che ogni cosa ha assunto un valore diverso e che la lista di cose da non dimenticare sarebbe ancora molto lunga.

E infine ricordiamoci che questa battaglia non è ancora finita e richiede tutto quello che non dobbiamo dimenticare per essere vinta, se non vogliamo tornare indietro nel tempo.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un’offerta volontaria. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono Covid-19 e qui oggi compio un anno: io sarò sconfitto, ma voi non avete capito niente

next
Articolo Successivo

Di quando zia Marcella ha compiuto 100 anni

next