Stamani una ragazza di 19 anni, italiana di origini brasiliane, è stata costretta a scendere da un treno regionale per aver starnutito due volte e per il colore della sua pelle. “Sono i neri come te a portare il virus“, le ha detto una passeggera che, come lei, alle 7.12 era a bordo del convoglio lungo la tratta Prato-Firenze e che si è immediatamente alzata per cercare il capotreno e chiedergli di farla scendere.

A raccontare l’episodio è il padre adottivo della ragazza in una lettera inviata a Ferrovie dello Stato. Secondo il racconto del genitore, a quel punto “un uomo con una divisa blu e un trolley” ha invitato la ragazza a scendere e la giovane, scambiandolo per il capotreno, gli ha obbedito fermandosi alla stazione di Sesto Fiorentino e mettendosi ad attendere il treno regionale successivo per Firenze. Oltre all’umiliazione, la fermata ingiustificata – dato che la ragazza aveva con sé il regolare biglietto – le è costata anche un ritardo a scuola.

Trenitalia, dopo aver ricevuto la segnalazione, ha smentito che l’uomo che ha fatto scendere la giovane fosse il capotreno. L’azienda ha infatti verificato che sul convoglio nessuno del personale in servizio, né tantomeno il capotreno, che era una donna, è stato contattato da qualcuno dei passeggeri, né ha fatto scendere la ragazza. L’azienda ha inoltre aggiunto che, qualora ci fosse il sospetto di un passeggero positivo al Covid-19, le procedure di sicurezza sanitaria sono molto più complesse, rispetto a far semplicemente scendere la persona dal convoglio.

(Immagine d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, il professor Galli: “Sei casi di variante inglese su 50. Bizzarro. Se è così sono passati tutti per il mio reparto”

next
Articolo Successivo

Enzo Bianchi rifiuta di trasferirsi a Cellole come voleva il priore Manicardi: teme cacciata e impossibilità di condurre una vita monastica

next