“I suoi post sui social media che denigrano le persone in base alle loro identità culturali e religiose sono abominevoli e inaccettabili”. Così la Lucasfilm ha spiegato il motivo per il quale Gina Carano, l’attrice che interpreta Cara Dune in The Mandalorian, è stata licenziata dalla casa di produzione. “Gina Carano – si legge in una nota – non è attualmente impiegata alla Lucasfilm e non ci sono piani perché lo sia in futuro”. L’attrice ed ex wrestler, protagonista della serie di Disney+ sulla saga di StarWars. è stata allontanata con effetto immediato dal cast per alcune sue considerazioni sugli ebrei apparse sulla sua pagina Instagram.

Le polemiche sono scoppiate dopo che ha condiviso un post su Instagram, ora cancellato, nel quale paragonava l’essere di idee repubblicane all’essere ebrei durante l’Olocausto, affermando che “gli ebrei erano picchiati per le strade non dai soldati nazisti, ma dai loro vicini, perfino dai bambini, ma poiché la storia è stata modificata, la maggior parte della gente oggi non capisce che per arrivare al punto di radunare facilmente migliaia di ebrei, prima il governo fece in modo che i loro vicini li odiassero per il semplice fatto di essere ebrei. Dov’è la differenza con l’odiare qualcuno per le sue idee politiche?”. A seguito del post, ieri l’hashtag #FireGinaCarano era di tendenza su Twitter.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polonia, la protesta dei media contro la nuova tassa sulla pubblicità: “Il potere ha dichiarato guerra alla libera opinione”

next
Articolo Successivo

Capodanno Cinese: dopo l’anno funesto del topo, il 2021 è l’anno del bue. Ecco cosa significa

next