di Lorenzo Bertini

Superato il suono di trombe che ha accolto il presidente Draghi, a cui fischiano ancora le orecchie a furia di essere chiamato per cognome, adesso il presidente si trova nell’ingrato compito di riuscire a fare quello che la politica non è riuscita a fare: un governo con una maggioranza.

Auguri proprio, perché già cominciano i problemi, con Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni che aspetta sulla riva del fiume i cadaveri dei propri rivali-alleati di Forza Italia e Lega, di cui i primi sono già disponibili a sostenere Draghi, perché sono altra cosa rispetto agli altri due azionisti del centrodestra. La Lega tentenna o nicchia, perché corre il rischio di spaccare il partito, con una parte che giudica folle andare al voto senza un governo a fine giugno – poi coi soldi del Recovery figurati – anche se ancora non si sa come vogliano spenderli; e l’altra che teme il vantaggio che potrebbe acquisire la rivale onorevole Meloni.

Dall’altra parte abbiamo Azione di Carlo Calenda, +Europa e Italia Viva di Renzi prontissimi per sostenere Draghi e infine il Pd, che cerca disperatamente di tirarsi dietro Leu e M5S che dicono no a governi tecnici.

Certo se i Cinquestelle decidessero di appoggiare Draghi, sarebbe la realizzazione di quella maggioranza allargata e gli onorevoli Calenda e Bonino si troverebbero con gli stessi che fino a ieri cannoneggiavano a più non posso, ma andrà comunque bene, perché non c’è Conte e non ci sono ministri Cinquestelle.

La responsabilità sarà sufficiente a tenere in piedi la maggioranza? Considerato che siamo arrivati al terzo governo in tre anni, è altamente improbabile, forse l’unico che non spaccherà mai sarà il Pd. Vuoi vedere che anche Draghi sarà costretto a mettere le matasse più spinose sotto al tappeto, proprio per evitare di spaccare la maggioranza tra veti e contro veti? E Renzi a quel punto che farà?

Sicuramente il presidente Draghi dovrà valutare se avere solo ministri tecnici o manager (come vorrebbe Calenda, vediamo poi a conflitto di interessi come sono messi) oppure se avere anche ministri politici, forse una condizione necessaria per l’appoggio in Parlamento. Chi vivrà, vedrà.

A noi non resta che assistere, augurandoci che la classe dirigente si comporti come tale per una volta e si occupi delle emergenze in atto nel nostro paese, senza perdere altro tempo, perché le persone continuano a morire in tutto questo. Negli ospedali la crisi di governo è la cosa meno importante di tutte, così come per chi lavora o studia. Il paese chiama, la politica risponde?

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dai separatisti di Trapani nasce il comune di Misiliscemi: tutta la storia, dal comitato del 2005 al referendum che la politica ha snobbato

next
Articolo Successivo

Non mettiamo in discussione anche Draghi: io mi atterrei ai fatti

next