Quando Giancarlo Giorgetti fa il suo ingresso al vertice del centrodestra, a Montecitorio, a Giorgia Meloni scappa un sorriso storto. Perché l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio, che da circa un anno propone un governo Draghi, non partecipa quasi mai ai summit di coalizione. Ieri invece c’era, anche se è rimasto in silenzio. Ed è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il no dei 5 Stelle, di nuovo al bivio. E c’è chi spera ancora nel “ter”

prev
Articolo Successivo

Pd, pressing su Conte per non restare soli nel sostegno a Draghi

next