“Abbiamo in squadra dei giovani senegalesi, che parlando con i loro amici rimasti là hanno spiegato di giocare per la San Salvario Asd e loro hanno deciso di adottare lo stesso nome e gli stessi colori sociali rossoblù. È quindi nata una squadra senegalese che si chiama come noi. Nasce dal niente, chiacchierando in spogliatoio ci siamo gasati e abbiamo deciso di aiutarli con un crowdfunding per mandare loro delle maglie. Loro non hanno i soldi per acquistare le divise quindi ogni anno le affittano. Abbiamo stretto così un’alleanza oltremare”. Ha spiegato così Luca Trabuio, della San Salvario Asd, la squadra di calcio popolare del quartiere multietnico di Torino, l’iniziativa per aiutare un gruppo di ragazzi in Senegal. “Noi siamo nati nel quartiere, da venti amici siamo diventati un’associazione di 150 persone. Siamo una realtà di stampo popolare, non lo facciamo per un ritorno monetario ma è una cosa bellissima”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ronaldo: 10 anni fa l’addio del Fenomeno. La storia del più grande attaccante di sempre e di quegli infortuni che l’hanno frenato

next