L’uscita del libro di Rocco Casalino “Il portavoce-La mia storia” (edizioni Piemme) “verrà definita nel rispetto del contesto della situazione del Paese”. La conferma è arrivata da Stefano Peccatori, direttore generale della casa editrice Piemme interpellato all’agenzia Ansa.

Una data di pubblicazione dell’autobiografia del portavoce del presidente del Consiglio dimissionario non era mai stata annunciata. Ma secondo quanto riferito da Repubblica, sul sito di Ibs e Mondadori store sarebbe comparsa l’indicazione di uscita (poi rimossa) per il 23 febbraio prossimo. La crisi di governo in corso ha però imposto un nuovo piano editoriale, un po’ come avvenuto per il libro del ministro della Salute Roberto Speranza dal titolo “Perché guariremo” e la cui uscita è stata posticipata a data da destinarsi (era previsto per ottobre) a causa della pandemia.

La casa editrice Piemme, scrive Repubblica, aveva anche inviato una sinossi parziale del libro in una delle ultime newsletter: “Tante vite vissute, tante lezioni imparate, tanta fame di farcela a tutti i costi: per diventare il portavoce di Giuseppe Conte e uno degli uomini più decisivi di questi anni”, si legge nell’anticipazione. “Rocco studia duramente, è il più bravo della classe, la matematica gli piace e gli riesce facile. Così, tornato in Italia, si iscrive alla facoltà di ingegneria”. Sempre stando all’anticipazione di Repubblica, Casalino racconta poi dell’esperienza al Grande Fratello e la comunicazione studiata alla Casaleggio associati: “Rocco è ambizioso ma è anche bravo, impara la comunicazione politica da Gianroberto Casaleggio, per poi cambiare quella del Movimento 5 Stelle, stando fianco a fianco con Di Maio e Di Battista, e cresce su, su fino ad arrivare alla carica attuale”. E, sempre stando alle anticipazioni, Casalino scrive: “Non mi ha regalato niente nessuno, questo è sicuro. E se sono orgoglioso di dove sono arrivato non è tanto per il ruolo che ricopro ma perché non dimentico mai da dove sono partito, cioè dalle condizioni più svantaggiate dell’universo”. Per leggere il testo completo bisognerà aspettare ancora un po’ di tempo e almeno che la crisi di governo venga archiviata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giletti punta ad oscurare Barbarella nazionale. ‘Siamo alla frutta’!

next