“Noi da sempre abbiamo espresso le nostre perplessità e quando arriveremo ai nome vedremo”. Così, al termine della giornata dei lavori sul programma di governo, Davide Crippa, presidente dei deputati del Movimento 5 Stelle, risponde alle domande dei cronisti sull’ipotesi che vede Maria Elena Boschi (indagata insieme a Renzi e Lotti dalla procura di Firenze per finanziamento illecito) ministra nel prossimo esecutivo. “Non stiamo parlando dei nomi dei ministri, e quando li discuteremo stabiliremo i criteri e le nostre condizioni. In quel momento ve li diremo – replica Crippa – È evidente – aggiunge – che non siamo da soli, valuteremo tutti insieme”. Sollecitato ulteriormente, il capogruppo M5s afferma: “Boschi ministra andrebbe contro quello che abbiamo fatto in passato. Non non dico no come ministro. Dico – conclude – che se si sceglie una condizione, deve essere una condizione trasversale. Se si sceglie di mantenere quella condizione come abbiamo fatto in passato, la faremo mantenere e ci sarà una maggioranza che valuterà le condizioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vicenda GameStop, l’argento sale ma non decolla. La confusa operazione #silversqueeze, per ora, delude le attese

next
Articolo Successivo

Governo, Rosato: “Sono stati fatti alcuni passi avanti, ma non sono sufficienti”. Marcucci (Pd): “Su giustizia colto delle disponibilità”

next