Oggi l’Italia riceve la terza tranche dei prestiti europei Sure, fondi raccolti sul mercato dall’Unione europea attraverso l’emissione di titoli destinati a misure di sostegno a lavoro ed occupazione come la cassa integrazione. Ed è tutto un fiorire di tweet. Il primo è il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni che stamattina scrive sul social: “Oggi dalla Commissione Ue nuovo finanziamento all’Italia di 4,5 miliardi per il lavoro”. A stretto giro “cinguetta” la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen: “Lieta di annunciare che oggi l’Italia ha ricevuto altri 4,45 miliardi in prestiti nell’ambito di Sure, lo strumento Ue che protegge i lavoratori in cassa integrazione e le imprese durante la pandemia”.

Il ministro per gli Affari europei Enzo Amendola che, sempre su twitter commenta: “Italia ed Europa la stessa comunità di destino. Insieme usciremo dalla crisi economica e sociale causata dalla pandemia. Insieme a difesa del lavoro e delle imprese. In arrivo altri 4,45 miliardi di euro del Fondo Sure dei 27,4 miliardi totali che utilizzeremo”. Conclude, naturalmente su Twitter, la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo: “Oggi l’Italia ha ricevuto dalla Commissione Ue altri 4,45 miliardi dei 27,4 totali destinati al nostro Paese nell’ambito di Sure, il programma che ho attivato insieme al Mef per proteggere lavoratori e imprese dalla crisi Covid-19. La priorità è e resta il lavoro”.

L’Italia ha ricevuto i primi 10 miliardi de programma Sure lo scorso ottobre. In novembre il secondo stanziamento da 6,5 miliardi e oggi la terza da 4. In tutto 20,5 miliardi, ne rimangono poco meno di 7. Il programma vale complessivamente 87 miliardi di euro, l’Italia è la prima beneficiaria, seguita da Spagna e Polonia. I collocamenti di titoli europei per il finanziamento dei programmi Sure hanno avuto un buon successo sui mercati con domande molto superiori all’offerta consentendo così un’erogazione dei prestiti a tassi particolarmente vantaggiosi.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino Covid, von der Leyen: “In estate il 70% degli europei lo avrà ricevuto. AstraZeneca? Li richiameremo ai loro obblighi”

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, von der Leyen ammette errori: “Sottovalutati i problemi produttivi”. Bild: “Per il ministro Scholz la strategia Ue fa schifo”

next