In Libano dopo il lockdown imposto per arginare la diffusione del Covid, che ha raggiunto un picco senza precedenti che aggrava la già devastante crisi economica, sono scoppiate le proteste. I manifestanti si sono scontrati con la polizia e hanno bruciato pneumatici e lanciato pietre. Le forze dell’ordine hanno risposto con il lancio di gas lacrimogeni e proiettili di gomma.

Secondo la Croce Rossa libanese più di 30 persone sono rimaste ferite, sei delle quali sono ricoverate in ospedale. Il blocco totale di due settimane nel Paese è stato varato due settimane fa. Il coprifuoco è previsto 24 ore su 24. Finora il Libano ha registrato 280mila casi e oltre 2400 morti.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gran Bretagna supera 100mila morti da Covid. Johnson: “Dolore difficile da esprimere”. In Germania 902 vittime. Merkel: “La variante britannica è una polveriera”

next
Articolo Successivo

Francoforte, uomo sotto effetto di droghe accoltella alcuni passanti: diversi feriti

next