Se Giuseppe Conte si presentasse alle elezioni come leader dei 5 stelle, il Movimento raggiungerebbe il 20,2% dei consensi, piazzandosi davanti al Pd (16,3%). Se invece corresse con una lista autonoma, potrebbe contare sul 10,4%, drenando voti sia dagli alleati che da Lega, Forza Italia e Italia viva. Sono questi i due scenari ipotizzati nel sondaggio del 21 gennaio da Euromedia Research per Porta a Porta su Rai1. In ogni caso, però, il centrodestra è dato sempre in vantaggio rispetto ai partiti che sostengono il governo giallorosso. Il primo scenario certifica che, in caso di M5s a guida Conte, i rapporti di forza all’interno della maggioranza cambierebbero radicalmente rispetto ai sondaggi degli ultimi mesi. Così il Movimento è dato sul secondo gradino del podio dei partiti più votati, subito dopo la Lega al 24,5%. In terza posizione il Pd con il 16,3%, tallonato da Fratelli d’Italia (15,5%). Complessivamente l’area di governo è al 39,6%, mentre il centrodestra al 48,7.

Il secondo scenario, invece, si basa sull’ipotesi che Conte si presenti con una lista a suo nome. In questo caso, piazzandosi al 10,4%, strapperebbe una parte dei consensi ai pentastellati (in calo al 10,6%) e una parte al Pd (al 14,1%). In totale, sommando anche il 3,3% di Liberi e uguali, i partiti che sostengono l’esecutivo potrebbero contare sul 38,4% dei voti. Anche qui, però, il centrodestra è dato in vantaggio con il 46,9%. Un dato leggermente inferiore rispetto allo scenario precedente, in virtù del lieve calo della Lega (23,4%) e di Forza Italia (in discesa dal 7,9 al 7,3). Immobile il partito di Giorgia Meloni con il 15,5%. Per quanto riguarda gli altri partiti, a prescindere dalle intenzioni di Conte i consensi per +Europa e Verdi rimangono invariati rispettivamente all’1,6 e all’1,5%. Sostanzialmente simile la situazione per Azione di Carlo Calenda, con un consenso tra il 3,5 e il 3,6%. Il partito di Matteo Renzi, invece, è dato al 2,8% se il premier scende in campo alla guida del M5s, mentre cala al 2,5% se si presenta con una lista autonoma.

L’istituto di cui fa parte la sondaggista Alessandra Ghisleri ha anche chiesto agli italiani una previsione sulla durata dell’attuale esecutivo. Se a metà dicembre il 36% degli intervistati era convinto che sarebbe arrivato a fine legislatura (2023), mentre il 30,6% ne ipotizzava la caduta già in primavera, adesso le parti si sono invertite. Alla data del 21 gennaio, il 33,1% non crede che il governo arriverà all’estate. Senza opinione il 17%, mentre il restante 50 è equamente diviso tra chi punta sul 2023 e chi sul 2022, cioè subito dopo l’elezione del presidente della Repubblica. L’ultimo quesito posto ai cittadini riguarda l’attuale composizione della maggioranza che sostiene Palazzo Chigi. Il 53% si dice insoddisfatto dell’esito del voto di fiducia in Parlamento di settimana scorsa, mentre solo il 32,1% ha un giudizio positivo. Il 14,9% degli intervistati non ha un’opinione in merito.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Tabacci dopo l’incontro con Di Maio: “Conte unico punto di equilibrio, alternativa è il voto. Allargare maggioranza entro mercoledì”

next
Articolo Successivo

Governo, salta tutto e elezioni? Segui il commento in diretta con Peter Gomez

next