di Zulia Pomello Chinaglia

Quando il M5S dice di voler introdurre il vincolo di mandato, modificando l’art. 67 della Costituzione, gli saltano tutti negli occhi come belve inferocite. “No al vincolo di mandato. La libertà dei parlamentari è sacra. Rappresentano tutta la nazione, non solo la loro fazione”. Questo perché, da quando esiste la Repubblica Italiana, i governi sono stati sempre sostenuti da maggioranze variabili. Non ricordo governi monolitici, con un solo partito a sostenerli, che non abbiano prima o poi avuto bisogno del supporto di qualcuno dell’opposizione.

Ed è un diritto sacrosanto, alla luce della struttura parlamentare della nostra democrazia, quello di accettare il sostegno esterno di eletti in altri partiti. Rappresentano tutti il popolo, il popolo vuole essere governato, ergo il governo è sempre legittimo chiunque lo voti.

Ci sono stati casi di violente contestazioni di questo principio in epoche ormai lontane. Nel 1960 il governo monocolore Tambroni ottenne la fiducia col sostegno esterno del Msi sia alla Camera che al Senato e si gridò allo scandalo per la legittimazione data dai neofascisti. Naturalmente la reazione scandalizzata era del tutto fuori luogo, innanzitutto perché quelli che si scandalizzavano per il voto del Msi non avevano obbiettato nulla all’ingresso del Msi in Parlamento e poi perché il Msi sosteneva in giro per l’Italia centinaia di giunte comunali insieme a Dc, Psi e, a Milano, addirittura col Pci!

A parte questi eccessi, in parte ingiustificati, nessuno si è scandalizzato mai per l’appoggio esterno che, di volta in volta, tutti i partiti hanno dato a governi di colore opposto. E non si sono scandalizzati quando Silvio Berlusconi faceva cadere i governi altrui o salvava per il rotto della cuffia i suoi comprando voti con denaro sonante o favori di vario genere.

Qualche giorno fa, invece, qualche senatore esterno al governo ha votato la fiducia e da allora viviamo in un regime di tregenda. Non immaginavo che avessimo tante madonnine infilzate in Parlamento, nelle televisioni e nei giornali! È proprio vero che non si finisce mai di imparare!

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cent’anni di Pci, in casa del livornese Otello: 88 anni e comunista da sempre. “Esserlo oggi? Sì finché l’1% sarà padrone del 99% delle risorse”

next