Viene da Ciampino la commovente storia di John. Il migrante nigeriano che da anni tiene pulite le strade della città ha perso la madre durante l’emergenza sanitaria, ma a causa dell’impossibilità economica non è ancora riuscito a darle l’ultimo saluto. Così la comunità di Ciampino, guidata dal gestore del bar Geff Caffè, ha deciso di organizzare una raccolta fondi per aiutarlo. La risposta è arrivata con affetto da tutti i cittadini che, mano a mano, hanno lasciato soldi nel grande salvadanaio messo dal gestore, Cristian De Filippis, sul bancone. Così, si legge sui social, il 3 febbraio John potrà andare, con un volo andata e ritorno, in Africa. La cifra, scrive La Repubblica, è stata raggiunta in soli quattro giorni.

Il salvadanaio è stato consegnato al giovane migrante, ignaro di tutto, con un effetto sorpresa commovente: John ha rotto il vaso di coccio davanti ad alcuni amici del bar ed è scoppiato in un pianto di gioia.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino anti-Covid, Fondazione Gimbe: “A rischio le seconde dosi, Regioni accantonino fiale. Meno contagi grazie al decreto Natale”

next
Articolo Successivo

Parte il crowdfunding per “E poi arriva Menny”: il primo corto per sensibilizzare sulla sindrome di Meniére

next