Viene da Ciampino la commovente storia di John. Il migrante nigeriano che da anni tiene pulite le strade della città ha perso la madre durante l’emergenza sanitaria, ma a causa dell’impossibilità economica non è ancora riuscito a darle l’ultimo saluto. Così la comunità di Ciampino, guidata dal gestore del bar Geff Caffè, ha deciso di organizzare una raccolta fondi per aiutarlo. La risposta è arrivata con affetto da tutti i cittadini che, mano a mano, hanno lasciato soldi nel grande salvadanaio messo dal gestore, Cristian De Filippis, sul bancone. Così, si legge sui social, il 3 febbraio John potrà andare, con un volo andata e ritorno, in Africa. La cifra, scrive La Repubblica, è stata raggiunta in soli quattro giorni.

Il salvadanaio è stato consegnato al giovane migrante, ignaro di tutto, con un effetto sorpresa commovente: John ha rotto il vaso di coccio davanti ad alcuni amici del bar ed è scoppiato in un pianto di gioia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino anti-Covid, Fondazione Gimbe: “A rischio le seconde dosi, Regioni accantonino fiale. Meno contagi grazie al decreto Natale”

next
Articolo Successivo

Parte il crowdfunding per “E poi arriva Menny”: il primo corto per sensibilizzare sulla sindrome di Meniére

next