Ieri è stata respinta un’operazione che voleva far cadere il governo, adesso il problema è come si ricostruisce una maggioranza, perché quella emersa ieri non è una maggioranza stabile, non è una maggioranza assoluta e non è sufficiente a finire la legislatura con un governo solido”. Così Matteo Orfini commenta il voto di ieri in Senato e lo stato dell’arte nel governo Conte. “Spero che ora tutti comprendano che prima di un problema politico c’è un problema artimetico, cioè che i numeri non ci sono nella misura che servirebbero per garantire stabilità al Paese e che quindi si superino queste fasi muscolari e di divisioni e si torni a ragionare insieme. È un bene per questo Paese se il governo cade? Io credo di no” conclude Orfini.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, cantò ‘Faccetta nera’ in radio: l’assessore regionale Elena Donazzan chiede scusa: “Accade nella vita di sbagliare” – Video

next
Articolo Successivo

Governo, Bettini (Pd) a SkyTg24: “Rottura con Renzi è troppo profonda, non si può superare e far finta di niente”

next