di Angelo Tuccella

Io so – avrebbe scritto Pier Paolo Pasolini o almeno così mi piace pensare – i nomi dei responsabili di questa manovra scellerata.

Io so che le ragioni di questo macabro show non hanno nulla a che fare con le regole, i contenuti o il “rispetto delle liturgie della democrazia”.

Io so che lei, Senatore Renzi, ricorre al termine “populista” – come Salvini al termine “buonista” – quando vuole attaccare qualcuno, o qualcosa, senza spiegare il perché.

Io so che questa crisi riposa sul suo narcisismo e sul risentimento che nutre verso coloro che non è in grado di eguagliare: Conte è capace, è coraggioso, non ha bisogno di mentire. Conte è popolare. Conte, al contrario di lei, vince: contro Salvini, contro i Benetton, contro Rutte, e per questa ragione il suo ego grida vendetta.

Io so, per quel che mi riguarda, di non essere Pasolini, lei invece, è consapevole di non essere Winston Churchill?

In verità, i suoi maldestri tentativi di far ricadere sul premier la responsabilità della crisi in atto ricordano di più il modus operandi di Trump – la cui retorica poggia su una serie di “verità alternative” da somministrare al proprio elettorato alla bisogna – come anche, del resto, l’abitudine di evocare le fake news al fine di giustificare le sue innumerevoli sconfitte – tuttavia la sua condotta riflette principalmente quella tendenza all’individualismo radicale, al nichilismo, al cieco perseguimento dell’interesse privato in luogo del bene comune. La vedrei bene, invero, tra coloro che questa estate maledicevano il governo reo di non avergli concesso la libertà di recarsi in discoteca.

Come finirà questa storia è impossibile prevederlo, di una cosa però sono certo: la valanga che sta per abbattersi su questo governo trascinerà con sé lei e il resto del suo partito. Non è molto, lo so, ma comunque è meglio di niente.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi di Governo, Andrea Orlando (Pd): “Italia viva getta il Paese nell’incertezza. Siamo preoccupati per il salto nel buio”

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, i movimenti per radunare i responsabili: chi sono (e quanti) i senatori potenzialmente disposti a sostenere Conte

next