Ci vuole lucidità in questo momento. Se noi gestiremo bene la campagna di vaccinazione, per tutto il 2021 cercheremo di abbassare il numero di focolai. Nel 2022 la popolazione sarà vaccinata, quindi si potrà circolare con molte meno mascherine. Ma, mi dispiace, io non credo che prima del 2023 ci sarà un ‘libera tutti’. Ci vuole tempo per vaccinare le persone e per gestire un fenomeno trasformazionale come una pandemia”. E’ la previsione di Ilaria Capua, direttrice dell’One Health Center della Università della Florida, nel corso della trasmissione “Dimartedì” (La7).

La virologa spiega: “Sono preoccupata perché siamo tutti sfiniti: i medici, gli infermieri, i cittadini, coloro che devono prendere le decisioni. Dobbiamo tenere gli argini e non dobbiamo perdere la lucidità in questo momento, perché siamo arrivati alla campagna di vaccinazione. Soltanto quando gli ospedali potranno ricominciare a servire i cittadini, potrà ripartire il Paese. Quindi, è assolutamente importante che prima dell’estate arriviamo a vaccinare tutte le fasce della popolazione a rischio, cioè tutti quelli che possono finire in ospedale, perché il virus non andrà via e continuerà a circolare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi governo, Travaglio su La7: “Renzi fa finta di essere stato cacciato come fece Salvini al Papeete dopo aver buttato giù il Conte Uno”

next
Articolo Successivo

Governo, Peter Gomez a La7: “Renzi ricatta e fa come Trump. Per lui o si fa quello che dice o salta tutto”

next