È polemica in Sardegna tra le associazioni ambientaliste e la Regione guidata da Christian Solinas dopo la diffusione di un video, che ha fatto il giro dei social. A Erula, in provincia di Sassari, una cacciatrice ha sparato a un cinghiale, ferendolo, ed è stata attaccata. La donna, come si vede nel filmato, si è difesa colpendo ripetutamente l’animale col fucile. Le associazioni stanno chiedendo al presidente della Regione Sardegna di sospendere la caccia, alla quale era stato dato il via libera il 9 di gennaio attraverso un’ordinanza, con la motivazione che fosse “di pubblica utilità”. Le doppiette, in questo modo, a partire da domenica hanno avuto l’ok per spostarsi liberamente in tutto il territorio regionale, nonostante le restrizioni anti-Covid.

Video Facebook/Amici dell’ambiente Sardegna

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Como, bimba di un anno e mezzo muore mentre gioca in casa: colpita in testa da una stufetta elettrica

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid, il caso del consenso degli anziani incapaci che sono ospiti delle rsa

next