In Baviera da lunedì entrerà in vigore l’obbligo di indossare le mascherine Ffp2 al supermercato, nei negozi e sui mezzi di trasporto pubblico. Il primo ministro del Land tedesco, Markus Soeder, ha annunciato che a partire dalla prossima settimana non sarà più sufficiente coprire naso e bocca, ma servirà una mascherina Ffp2, che non solo protegge gli altri dalla diffusione del coronavirus, ma anche chi la indossa. Soeder ha avvertito infatti che la Baviera deve prepararsi a un aumento del numero di casi, nonostante il lockdown duro ancora in vigore. Oggi l’istituto Robert Koch ha comunicato altri 891 morti in Germania, oltre a 12.802 nuovi positivi accertati: numeri considerati ancora sottostimati.

Intanto, la misura decisa dalla Baviera è stato apprezzata dall’associazione dei commercianti del Land: “È la chiave per riaprire il commercio al dettaglio”, perché “rende lo shopping più sicuro ed è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno”, ha spiegato Bernd Ohlmann, amministrato delegato della Handelsverbands bavarese.

Il governatore della Csu Soeder non ha però precisato se sarà lo stato a fornire ai bavaresi le mascherine Ffp2 o se le persone se le dovranno procurare da sole. Da metà dicembre il governo tedesco ha distribuito mascherine FFP2 gratuite per la fasce più a rischio: chi ha più di 60 anni e le persone affette da patologie croniche. Si tratta in totale di 27 milioni di persone che hanno diritto a 15 mascherine. L’associazione bavarese dei farmacisti ha spiegato alla Sueddeutsche Zeitung che stimano di avere sufficienti scorte in magazzino e possono ottenerne di altre rapidamente. Le Ffp2 inoltre sono acquistabili anche nei negozi al dettaglio, così come sul web. “È facile da acquistare”, ha detto lo stesso Soeder.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Olanda prolunga il lockdown fino al 9 febbraio. Uk, 45mila casi e 1.243 morti. Merkel: “Servono misure dure per altre 8-10 settimane”

next