“Claudio Amendola: Roma, 16 febbraio 1963 – Roma, 12 gennaio 2021”. Così si leggeva su Wikipedia nella pagina dell’attore Claudio Amendola: poco dopo la mezzanotte di oggi, 12 gennaio 2021, il celebre portale web d’informazione e divulgazione lo ha dato per morto. Ovviamente, si è trattato di una fake news che è stata poi rimossa ma, in quei pochi minuti che è rimasta online, la falsa notizia della morte di Amendola non è passata inosservata e sui social si è subito aperto il dibattito, tra chi ci ha creduto e chi invece si è scagliato contro Wikipedia.

In molti si sono chiesti come sia stata possibile una simile svista e c’è chi ha ipotizzato che l’errore sia stato dovuto a uno spot pubblicitario, di cui Claudio Amendola è appunto il protagonista. L’11 gennaio è stato infatti pubblicato un video promozionale della Gise, la Società italiana di cardiologia interventistica, con l’attore come testimonial: una scelta non casuale, dal momento che nel 2017 aveva avuto un infarto, come lui stesso ricorda nel video. Potrebbe quindi esser stato questo particolare a indurre la fake news diffusa da Wikipedia: “No, Claudio Amendola non è morto, qualcuno ha male interpretato questo articolo”, ha scritto un utente su Twitter, rilanciando lo spot di Gise.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chirurgo plastico muore di Covid: “Una paziente gli ha tossito in faccia, così si è contagiato”

next
Articolo Successivo

Torna Sex and the city, Sarah Jessica Parker pubblica sui social il teaser del revival

next