Il cadavere di una donna è stato ritrovato dalla polizia in un container installato nell’area di un cantiere abbandonato a Busto Arsizio (Varese). Il ritrovamento è avvenuto lo scorso 13 dicembre ma reso noto soltanto il 31. La Procura locale ha aperto un fascicolo per omicidio contro ignoti.

Secondo le prime indagini condotte della Squadra Mobile di Varese e del commissariato di Busto Arsizio, la donna è di origini straniere e il suo omicidio è maturato all’interno di una comunità di clochard con problemi di dipendenza da alcol e droga. Sono in corso ulteriori accertamenti per ricostruire la dinamica degli eventi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Agitu Gudeta, il custode della sua azienda confessa l’omicidio: l’ha colpita con un martello e violentata mentre era agonizzante

next
Articolo Successivo

Bergamo, ucciso ex segretario provinciale della Lega. Franco Colleoni ora aveva un ristorante

next