Ridisegnare il Paese” con un nuovo modello sociale che possa “arginare le diseguaglianze”. Così il leader della Cgil, Maurizio Landini, in un videomessaggio di fine anno pubblicato su Collettiva. Questo significa, dice: “Più legalità e contrasto alla corruzione e all’evasione fiscale, solidarietà e non più competizione o individualismo, un lavoro con più diritti e non precario. Ma anche sanità pubblica e non solitudine delle persone, istruzione, scuola, cultura, formazione e non povertà educativa. Noi come Cgil vogliamo essere utili a questo fine, vogliamo essere lo strumento”, ha detto ricordando come la pandemia abbia evidenziato “le diseguaglianze di un modello sociale ed economico sbagliato che in questi anni ha svalorizzato il lavoro a favore del mercato e del profitto. Noi questa logica, questa cultura – aggiunge Landini – la vogliamo cambiare”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esuberi in Legacoop Lombardia, la Cgil: “Per sei donne condizioni lavorative peggiorate con la scusa della ricollocazione”

next