Scendendo a Napoli arriviamo al Natale in casa Cupiello di Edoardo De Angelis. Verrebbe da dire, Eduardo o Edoardo? Sarebbe questo il dilemma. Ma Eduardo De Filippo è un mostro sacro come Shakespeare, e in quanto tale viene sottoposto alle più disparate manipolazioni mediatiche e narrative. Insomma, la dura legge del Pop.

De Angelis resta piuttosto fedele al testo, già “profanato” sul palcoscenico dai Giuffrè con calorosi successi lunghi decenni. Invece Sergio Castellitto come protagonista porta verve e retropensieri più romaneschi che partenopei, anche se il suo napoletano è sì impeccabile, ma forse più tendenzialmente nobile come quello di Vittorio De Sica che popolare, sanguigno e dolente come la lingua di Eduardo. Cast meraviglioso, diverso da ogni precedente, televisivo ma di finezza estetica cinematografica, su Rai Uno ha fatto 5,6 milioni di telespettatori e il 23,9% di share. Ottimo risultato ma pubblico e critica spaccati nel giudizio. Intanto, per chi lo avesse perso, è disponibile su RaiPlay.

INDIETRO

Uno sguardo ai film di fine 2020: dalla Marvel a Casa Cupiello, passando per il sequestro di B.

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Natale e Capodanno al cinema? No, ma basterà accendere il computer per vedere tantissimi film. Ecco il palinsesto

next
Articolo Successivo

Morto Corrado Olmi, addio al grande attore che lavorò con Totò, Dario Fo e Vittorio Gassmann

next