Non sono previste multe” per chi non rispetta il limite di capienza del 50% sui mezzi del trasporto pubblico locale, “ma almeno nella fase iniziale è prevista un’opera di moral suasion per abituare le persone alla novità, che siano studenti o lavoratori”. Così la ministra delle Infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, rispondendo alle domande nel corso dell’audizione in commissione alla Camera sul trasporto pubblico locale alla luce dell’emergenza sanitaria, anche in vista della riapertura delle scuole il prossimo 7 gennaio. “Alle fermate ci sarà o un dipendente dell’azienda dei trasporti o un ausiliario del traffico o un volontario della Protezione civile che, con tanto di orario programmato dalle aziende, dirà nel momento in cui l’autobus in arrivo è già pieno al 50% che bisognerà aspettare tre-quattro minuti per l’arrivo del successivo bus”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La patrimoniale, bocciata da destra e sinistra, sparisce dalla legge di bilancio. Eppure, secondo i promotori, in molti ci avrebbero guadagnato

next