I genitori gli avevano chiesto di smettere di giocare ai videogiochi e lui, in tutta risposta, si è avventato contro di loro e ha ucciso a coltellate il patrigno. È quanto successo venerdì 18 dicembre a Madison Heights, in Michigan, negli Stati Uniti: il 29enne Christopher McKinney si è scagliato prima sulla madre e poi sul patrigno perché gli avevano chiesto di smettere di giocare ai videogiochi e lasciarli andare a dormire.

Secondo quanto riferisce Fox News, che dà la notizia, il giovane ha prima colpito la madre con un pugno sul naso e poi si è avventato contro il patrigno: l’uomo è inizialmente riuscito a liberarsi dalla sua presa fuggendo in cucina e afferrando un coltello per difendersi ma a quel punto McKinney ha rigirato la lama e lo ha accoltellato più volte fino ad ucciderlo.

A lanciare l’allarme è stato un vicino di casa, anche lui aggredito dal 29enne: quando la polizia è arrivata sul posto, il giovane si è avventato anche contro di loro fino a quando non è stato immobilizzato e arrestato. Trasportato d’urgenza in ospedale, il patrigno è morto in seguito per le ferite riportate. La madre invece, ha solo alcune contusioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Captato un misterioso segnale radio da Proxima Centauri”: gli scienziati “cacciatori di alieni” al lavoro per decodificarlo

next
Articolo Successivo

Festa in casa con troppi invitati, interviene la polizia: scoppia la rissa, madre finisce con il naso rotto – VIDEO

next