L’Unione europea chiede formalmente alla Libia di rilasciare i 18 pescatori di Mazara del Vallo, in stato di fermo da più di 100 giorni. L’appello, inserito nelle conclusioni del Consiglio Ue in corso in questi giorni, si rivolge direttamente alle autorità libiche affinché “rilascino immediatamente i pescatori italiani trattenuti da settembre senza che sia stata avviata alcuna procedura legale” nei loro confronti.

“Per quanto riguarda specificamente la Libia, il Consiglio europeo – si legge ancora nel documento – invita tutti gli attori ad agire in confomità ai principi del processo di Berlino. L’Ue ricorda l’offerta di sostenere la guardia costiera libica attraverso la formazione e il monitoraggio, nonché la fornitura di attrezzature e navi, in conformità con il diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amendola: “Sul Recovery plan possibili modifiche, ma ci siamo basati su linee guida Ue. Segretezza? Ci sono stati incontri ogni settimana”

next
Articolo Successivo

Brexit, nuova telefonata von der Leyen-Johnson ma la trattativa non si sblocca: “Continuiamo a trattare”

next