Hugo Dinarte Santos Aveiro, fratello di Cristiano Ronaldo, è indagato dalla procura di Torino per truffa. L’accusa è uno sviluppo della disputa legale, tuttora in corso in ambito civile, tra la Juventus e una piccola azienda torinese, la Pegaso, che produce e distribuisce gadget sportivi e indumenti. Lo scorso anno il club bianconero ha ottenuto il sequestro di migliaia di magliette da gioco prodotte, secondo la società di calcio, senza averne diritto. L’azienda però sostiene di aver avviato la produzione in accordo con la società gestita dal fratello del fuoriclasse bianconero, la Mussara Lda, che avrebbe invece negato di averla autorizzata. Un primo tentativo di riconciliazione economica sarebbe andato a vuoto, di qui le querele che hanno fatto partire l’inchiesta dei magistrati torinesi.

La vicenda è riportata sulle pagine locali del quotidiano La Stampa. Si parla di 13mila magliette con il marchio Cr7 Museum, il museo di Madeira dedicato a Ronaldo. L’azienda torinese intende dimostrare di avere ottenuto legalmente la licenza d’uso del marchio del calciatore, CR7 Museum, dalla società gestita dal fratello del 5 volte Pallone d’Oro. Si parla di mezzo milione di euro che la Mussara Lda avrebbe incassato prima dell’avvio della produzione. Poi però è cominciata la disputa con la Juventus: la produzione è stata poi bloccata perché le magliette sono troppo simili al modello registrato da Adidas.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Mario Balotelli al Monza: c’è l’accordo con il club di Silvio Berlusconi

next