“Cosa è successo nella riunione sull’Ospedale in Fiera di Milano voluto da Fontana e Gallera? Ho capito che in Regione perdevo tempo. Sono allergico a riunioni e comitati: non farò mai politica“. Così Alberto Zangrillo, medico personale di Silvio Berlusconi e primario del reparto Anestesia e rianimazione del San Raffaele di Milano, intervistato a ‘La Confessione’ venerdì 4 dicembre alle 22.45 su Nove, racconta a Peter Gomez il retroscena sull’incontro in cui si rifiutò di dare il suo benestare a una rianimazione svincolata da una struttura ospedaliera, nonostante il parere positivo del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e dell’assessore al Welfare Giulio Gallera: “Facevo parte di un gruppo di persone, anche miei colleghi, che occupavano – probabilmente perché era necessario farlo – molto del loro tempo in riunioni – spiega il Prorettore dell’Università Vita e Salute – Io sono allergico alle riunioni, sono allergico ai titoli, sono allergico ai comitati. Allora lo dico anche a lei, una volta per sempre: io non entrerò mai in politica e credo di essermene andato via da quella riunione dopo aver detto: ‘Signori, ma se la politica ha già fatto le sue scelte, è inutile che io sto qui a perdere il mio tempo‘”, conclude Zangrillo.

‘La Confessione’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) nonché su sito, app e smart tv di TvLoft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Alberto Zangrillo a La Confessione (Nove) di Peter Gomez: “Forza Italia? Molti mi odiano, cialtroni che cercano di ostacolarmi da 20 anni”

next