Prima di lasciare la Casa Bianca, Donald Trump ha intenzione di concedere la grazia in blocco ai suoi ex collaboratori rimasti coinvolti e condannati per il Russiagate. Nella serata di ieri è arrivata l’ufficialità della grazia al generale Michael Flynn, suo ex consigliere per la Sicurezza Nazionale vittima, a suo dire, di una “caccia alle streghe”. “È mio grande onore annunciare che al generale Michael Flynn è stato garantita la grazia completa – ha scritto il tycoon su Twitter – Congratulazioni a lui e alla sua meravigliosa famiglia, ora so che avrete un Giorno del Ringraziamento davvero fantastico!”.

Ma secondo i media Usa, ci sono altri ex collaboratori di Trump che potrebbero presto ottenere il perdono. Tra questi ci sono Paul Manafort, ex capo della campagna di Trump condannato a sette anni e mezzo di galera per ostruzione della giustizia e violazione delle leggi finanziarie e sull’attività di lobby, oltre a Rick Gates e l’ex consigliere della stessa campagna George Papadopoulos, entrambi condannati sempre nell’affaire Russiagate. C’è inoltre l’ex ideologo di Trump, Steve Bannon, incriminato in agosto per truffa nella raccolta di fondi per il muro al confine col Messico.

Finora Trump ha concesso 28 grazie, che estinguono il reato, e 16 commutazioni della pena, che riducono la condanna. Tra quest’ultime, c’è quella a Roger Stone, amico e consigliere di vecchia data che era stato condannato a 3 anni e 4 mesi per aver mentito al Congresso, ostacolato la giustizia e corrotto testimoni nel Russiagate.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, Germania estende semi-lockdown fino al 20 dicembre. Incontri fino a 10 persone a Natale. Merkel: “Ue vieti sci fino al 10 gennaio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’annuncio di Angela Merkel: “Misure prorogate fino al 20 dicembre”

next