“Sapevo, mentre stringevo il mio primogenito, che stavo perdendo il secondo“. Come un fiume in piena, Meghan Markle ha trovato la forza per raccontare pubblicamente quanto le è successo lo scorso luglio, quando ha avuto un aborto spontaneo del secondo figlio che portava in grembo. La moglie del principe Harry ha deciso di raccontare la sua drammatica esperienza nella speranza di essere di supporto ad altre persone e lo ha fatto in un toccante articolo scritto di suo pugno e uscito sul New York Times. “Perdere un figlio significa portare un dolore quasi insopportabile, vissuto da molti ma di cui parlano in pochi”, ha scritto Meghan, 39 anni, già mamma del piccolo Archie di 18 mesi. Di seguito un estratto del suo racconto nell’editoriale intitolato “The Losses We Share“:

“Era una mattina di luglio che iniziava normalmente come qualsiasi altro giorno: prepara la colazione. Dai da mangiare ai cani. Prendi le vitamine. Trova quel calzino mancante. Raccogli il pastello canaglia che è rotolato sotto il tavolo. Raccogli i capelli in una coda di cavallo prima di prendere tuo figlio dalla sua culla.

Dopo aver cambiato il pannolino, ho sentito un forte crampo. Mi lasciai cadere a terra con lui tra le braccia, canticchiando una ninna nanna per tenerci calmi, la melodia allegra in netto contrasto con la mia sensazione che qualcosa non andasse bene.

Sapevo, mentre stringevo il mio primogenito, che stavo perdendo il secondo. Ore dopo, giacevo in un letto d’ospedale, tenendo la mano di mio marito. Sentii l’umidità del suo palmo e gli baciai le nocche, bagnate da entrambe le nostre lacrime. Fissando le fredde pareti bianche, i miei occhi erano vitrei. Ho provato a immaginare come saremmo guariti.

Ho ricordato un momento dell’anno scorso in cui Harry e io stavamo finendo un lungo tour in Sud Africa. Ero esausta. Stavo allattando nostro figlio neonato e stavo cercando di mantenere un’immagine coraggiosa sotto gli occhi del pubblico.

“Stai bene?” mi ha chiesto un giornalista. Gli risposi onestamente, non sapendo che ciò che avevo detto avrebbe risuonato con così tante mamme nuove e più grandi e chiunque avesse, a modo suo, sofferto in silenzio. La mia risposta improvvisata sembrava dare alle persone il permesso di dire la loro verità. Ma non è stato rispondere onestamente ad aiutarmi di più, è stata la domanda in sé.

“Grazie per avermelo chiesto”, ho detto. “Non molte persone mi hanno chiesto se sto bene”. Seduta in un letto d’ospedale, guardando il cuore di mio marito che si spezzava mentre cercava di trattenere i miei pezzi in frantumi, ho capito che l’unico modo per iniziare a guarire è prima chiedere: “Stai bene?”

La rivelazione sull’aborto spontaneo segue non poche indiscrezioni circolate negli ultimi mesi sulla possibile seconda gravidanza della duchessa di Sussex. E spiega il rinvio della prossima fase di un processo intentato dalla stessa Meghan – con il sostegno di Harry – contro il tabloid britannico Daily Mail, accusato di aver pubblicato a suo tempo una lettera privata scritta da lei al padre Thomas Markle, in violazione (secondo la denuncia) sia della sua privacy familiare sia dei suoi diritti di copyright. Una causa tuttora aperta, e che non ha mancato di suscitare polemiche, il cui rinvio era stato chiesto proprio dagli avvocati della stessa duchessa e concesso dalla corte in base a ragioni che la giudice che presiede le udienze aveva ritenuto nei giorni scorsi di non voler rendere pubbliche d’autorità.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Massimo Galli “si supera” ed è contemporaneamente ospite a Cartabianca e a Fuori dal Coro

next