Francesco Totti ha avuto il coronavirus, ma fino ad oggi nessuno sapeva quali fossero le sue condizioni di salute. Alla notizia della positività, era stato comunicato che l’ex capitano della Roma aveva accusato febbre e una sensazione di debolezza. Oggi invece Totti, in un lungo post su Instagram, racconta la verità sulle sue condizioni: “Ora mi sono ripreso e posso dirvi con un certo sollievo che ho avuto il Covid e non è stata una passeggiata: febbre che non scendeva, saturazione dell’ossigeno bassa e le forze che se ne andavano”. Poi l’ex calciatore aggiunge: “La diagnosi è stata un colpo al cuore: polmonite bilaterale per infezione da Sars Cov 2! Vista la tempestività della diagnosi sono riuscito a curarmi da casa, 15 lunghi giorni“. Poi Totti ringrazia chi lo ha aiutato in queste settimane: “Un grazie speciale al Prof. Alberto Zangrillo, alla Prof. Monica Rocco e Silvia Angeletti“. Infine, la bandiera giallorossa conclude il suo post con un messaggio: “Il Covid si può battere con le giuste precauzioni e indicazioni”.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Francesco Totti (@francescototti)

Poco più di un mesa fa, il 12 ottobre, è morto il papà di Totti, Enzo. Lo Sceriffo, come era stato soprannominato dal figlio e dai suoi ex compagni di squadra giallorossi, aveva 76 anni ed era ricoverato allo Spallanzani proprio dopo aver contratto il coronavirus. Enzo Totti non è riuscito a riprendersi dalla malattia anche a causa di un infarto che lo colpì qualche anno fa, quando il figlio indossava ancora la maglia romanista.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kitikaka – In memoria di Gianfranco Civolani e di come il “Civ” sia diventato un mito della Bologna col cuore rossoblu

next
Articolo Successivo

Ti ricordi… Oscar Alberto Dertycia, il ‘tiburon’ sfortunato in una Fiorentina da incubo

next