Raccontare i conflitti in terre solo apparentemente lontane mettendo al centro della scena un lavoro giornalistico tutto al femminile. Questo è l’obiettivo di Donne sul fronte“, la prima grande serie italiana di graphic journalism edita da PaperFirst. Una collana di storie inedite unica nel suo genere da leggere e collezionare. Sette volumi, un “femminile plurale” in cui giornaliste raccontano altre giornaliste passate alla Storia ma anche esperienze dirette di reporter italiane che dal fronte di guerra hanno raccontato, in prima persona, il dramma di un conflitto e delle sue vittime per comunicare al mondo spesso a scapito della propria vita o della libertà ciò che accade in un paese in guerra. Il primo numero è dedicato a Oriana Fallaci. In edicola da giovedì 19 novembre con Il Fatto Quotidiano

ORIANA FALLACI. Il Vietnam, l’America e l’anno che cambiò la Storia
di Eva Giovannini, disegni di Michela Di Cecio (ed. PaperFirst)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La redazione del Sole 24 Ore sfiducia il direttore Fabio Tamburini dopo la protesta contro l’ingerenza di Confindustria

next
Articolo Successivo

Nicola Morra ‘non gradito’ in Rai: per me un caso di censura a cui tutti dovremmo ribellarci

next