Myrta Merlino è pronta per intraprendere una nuova avventura in tv. È stata lei stessa ad annunciarlo in un’intervista al settimanale Oggi, spiegando che da domenica 15 novembre sarà in onda dalle 14.00 sempre su La7 con “L’aria di domenica“, una versione domenicale del suo celebre “L’aria che tira“. Un programma che ha fortemente voluto, perché “dalle mail che mi arrivano ogni giorno capisco che la gente ha bisogno di essere accompagnata, ascoltata”.

“La mia vita sta per diventare un unico grande frullatore, è vero – ha raccontato la conduttrice -. I giorni miei e di Marco diventeranno il venerdì pomeriggio e un pezzetto del sabato perché la domenica io finirò tardi e lui sarà a Milano per la ‘Domenica Sportiva‘”. Nonostante questo però, si dice convinta di intraprendere questa nuova avventura perché siamo “in un momento storico in cui non bisogna star soli e non bisogna lasciare sole le persone: la sola cosa che mi può far desistere dal progetto è che Tardelli (lo chiama proprio così, ndr) minacci di lasciarmi perché lavoro troppo”, ha confessato Myrta Merlino.

E a chi le fa notare che andrà in onda contro un palinsesto già molto agguerrito – Mara Venier con Domenica In su Ra1, Domenica Live di Barbara D’Urso su Canale 5 e Lucia Annunziata con Mezz’ora in più su Rai 3 – ha risposto: “È una pazzia, lo so. Mara e Lucia sono due mostri sacri, due amiche, le ho chiamate entrambe per raccontare loro il progetto, ma non ho la pretesa di infilarmi in quella partita. Col direttore Andrea Salerno abbiamo deciso di navigare a vista in questa scommessa senza pretese divertendoci e cercando di regalare un giorno in più di La7 agli spettatori. Quindi non la vivo come un’avventura da kamikaze ma da pioniera che deve ‘coltivare’ un pubblico che oggi, a quell’ora, fa altro”, ha concluso.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

X Factor, l’esibizione di Casadilego emoziona i giudici: ecco il suo inedito “Lontanissimo”

next
Articolo Successivo

AmaSanremo, Morgan si commuove per Gaudiano che canta la morte del padre: “Anche io ho vissuto un evento traumatico, il mio si è suicidato”

next