Le parole di Tiziana Giardoni, vedova di Stefano D’Orazio, il compianto batterista dei Pooh scomparso a 71 anni, rendono conto del suo immenso dolore che è quello dei tanti che hanno perso qualcuno per il covid-19. Lo strazio di saperli morire da soli: “Non l’ho potuto salutare, né fargli una carezza: lui ne aveva bisogno, perché noi ci addormentavamo così”, ha raccontato Tiziana al Corriere della Sera. “Non riesco a cancellare quella notte in cui ho visto Stefano per l’ultima volta: aveva la febbre a 39 e mezzo, se ne è andato con il 118 guardandomi con lo sguardo impaurito e perso”. Il suo “sdo”, così lo chiamava, era risultato positivo al covid-19 e lo stesso lei. I primi sintomi, leggeri, non li avevano preoccupati poi la febbre era salita e la situazione era peggiorata per Stefano, affetto da immunodepressione. Non lo ha più visto, Tiziana, lei che non lo aveva “mai lasciato prima”, dopo quell’amore a prima vista nato nel 2007.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’emozionante esibizione dell’ex ballerina malata di Alzheimer: sente in cuffia “Il lago dei cigni” e inizia a danzare. Il video

next
Articolo Successivo

Amedeo Goria conferma: “In ascensore con Maria Monsé dolci effusioni”

next