Qualcosa che non funziona sulla medicina territoriale c’è dall’inizio di tutta questa storia e anche prima, mi sembra estremamente evidente”. Così a Timeline, su SkyTg24, Massimo Galli, primario infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano. “I medici di famiglia – ha aggiunto – ancora lamentano, e non sono lamentazioni vane, un’importante carenza dell’organizzazione, della disponibilità di presidi e della gestione complessiva che possa portare alla miglior gestione possibile anche del paziente domiciliare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 37.978 casi con 234mila tamponi. Altri 636 morti. Sale il tasso positivi-test. Contagi record in Umbria e Marche

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la procura di Cosenza indaga sui ritardi dell’Asp nel processare i tamponi

next