Lavorano negli ospedali, nelle case di cura, nelle scuole, nei tribunali e negli uffici. Sono gli oltre 600mila dipendenti delle imprese di pulizia, servizi integrati e multiservizi, che da oltre 7 anni aspettano il rinnovo del contratto nazionale. Il 13 novembre la Filcams Cgil (che in un video ha raccolto le loro testimonianze) ha indetto un’intera giornata di sciopero, per chiedere alle aziende e ai datori di lavoro di riconoscere tutele e diritti di questi lavoratori giudicati essenziali, ma troppo spesso invisibili.

“Una situazione inaccettabile” ha affermato Cinzia Bernardini segretaria nazionale della Filcams Cgil, “è passato troppo tempo dall’ultimo rinnovo del contratto nazionale e il mancato adeguamento delle retribuzioni dei lavoratori, in questi anni, ha portato un grosso risparmio a molte imprese, che tuttora non sono nei fatti disponibili ad avviare un confronto costruttivo che porti alla sigla del contratto nazionale in tempi brevi come convenuto a giugno alla ripresa del confronto. Gli ultimi mesi e la pandemia hanno fatto emergere l’importanza di questi lavoratori che hanno il diritto di vedersi riconoscere il valore del lavoro e la loro professionalità”

video Filcams Cgil

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un lavoro da solo non basta: serve anche che sia dignitoso e rispettoso di ciascuno

next
Articolo Successivo

La protesta dei precari Anpal al ministero del Lavoro: “Avevano promesso stabilizzazione e ora rischiamo la disoccupazione. È un paradosso”

next