“È un calvario infinito, ma soprattutto è una grande vergogna. Come imprenditore sento il reale rischio chiusura della mia attività“. Così lo chef Gianfranco Vissani, maestro della cucina italiana, ha commentato all’Ansa la notizia del passaggio della regione Umbria da zona “gialla” ad “arancione” a causa del peggioramento dell’emergenza Covid. Passaggio che comporterà, tra le altre cose, la chiusura 7 giorni su 7 di bar e ristoranti.

“Abbiamo adottato tutti i dispositivi di sicurezza indicati, i ristoranti sono luoghi assolutamente sicuri, ma non è bastato e paghiamo il prezzo di scelte assurde, come quella di aver permesso la movida nelle grandi città in estate”, ha aggiunto Vissani. “Ma la cosa peggiore – ha sottolineato lo chef – è che dallo Stato non arriva un euro. Se ci venisse garantita la sopravvivenza delle nostre attività potremmo chiudere anche per mesi pur di tutelare la salute, ma così non è”.

“Chiudere di nuovo i ristoranti significa mettere in ginocchio anche tutte quelle attività collegate alla ristorazione, una su tutte le cantine”, ha spiegato ancora. “E non voglio immaginare quando i miei ragazzi, così come tutti quelli che lavorano nella ristorazione, prenderanno la cassa integrazione. Ci sarà gente che non arriverà a fine mese e sarà disperata”, ha detto ancora Vissani. Che conclude con le tasse: “Arrivano tutti i mesi da pagare, quando invece andavano bloccate perché non si può immaginare che un’attività, su un anno, possa lavorare soltanto due mesi d’estate. Siamo la vergogna dell’Unione europea“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Funerali Stefano D’Orazio, i fan cantano le canzoni dei Pooh fuori dalla chiesa

next