“Il problema non è il colore politico o altro, ma la sicurezza nazionale. Io me ne infischio dei 5 Stelle, del Pd, della Lega. Chi se ne frega. Si parla di sanità, di salute. Punto”. E’ l’appassionato sfogo del viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, che, ospite di “Non è l’arena” (La7), respinge l’accusa secondo cui la determinazione delle zone regionali del contagio da coronavirus nasconda motivazioni politiche.

“La sicurezza nazionale – continua – passa purtroppo attraverso il sacrificio. E il sacrificio è, in primis, nostro, perché dobbiamo analizzare i dati, gestire e informare. E’ una sofferenza. Voi non immaginate che sofferenza ho io a pensare ai 38mila morti, ai miei colleghi morti, agli altri miei colleghi che mi chiamano tutti i giorni e che mi dicono: ‘Fate le zone rosse, perché non ce la facciamo più’. Lo vogliamo capire che siamo in guerra? E stiamo lottando per salvare l’Italia. Punto”.

Al conduttore Massimo Giletti che gli ricorda alcuni esempi di disservizi e di ritardi in Lombardia, Sileri risponde: “E’ vero. Però questo è il momento in cui bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare. Poi chi ha sbagliato verrà cacciato a calci nel culo. Punto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, la versione di Cotticelli: “Sono stato drogato il giorno dell’intervista? Non ero lucido, sto cercando di capire con un medico”

next
Articolo Successivo

“Siamo al limite del collasso e delle possibilità, come a Bergamo nella prima ondata”. L’allarme del direttore dell’ospedale di Como su La7

next