“La dottoressa Gruber indirittemente mi cita molto spesso, ma non ho mai ricevuto un invito da lei”. Così Alberto Zangrillo, primario del reparto di Terapia intensiva dell’Ospedale San Raffaele di Milano, ospite di ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi sul Nove tutti i venerdì alle 22.45 rispetto a una sua eventuale partecipazione al programma ‘Otto e mezzo’, condotto da Lilli Gruber su La7. “Un giorno l’avevo anche sentita perché volevo spiegare una situazione che credo sia importante per tutti”. Riguardo agli atteggiamenti riduzionisti di certa parte dell’opposizione, Zangrillo ha dichiarato: “Ritengo che per quanto assolutamente condannabili, esecrabili, quindi assolutamente scorretti soprattutto se provengono dall’istituzione anche di opposizione, voglio credere che gli italiani non siano così imbecilli da ritenere di potere andare in giro liberamente perché c’è qualcuno che glielo dice”. Infine, sulla sua presenza al convegno negazionista organizzato a luglio in Senato, il professore ha spiegato che la sua era “una presenza da remoto perché io non mi muovo dall’ospedale ormai da 8 mesi, forse tesa a qualificare nella misura giusta, dal punto di vista, culturale certe situazioni”.

‘Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Alberto Zangrillo ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Il governo Conte si sta comportando bene. Mi sento garantito”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Zangrillo ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Un appello a Galli per lavorare insieme? Lo stiamo già facendo: basta con la guerra”

next