“Guido meglio se bevo”. Così dice un uomo mentre, in diretta sul suo profilo Facebook, è al volante con una birra in mano e la passa alla fidanzata che, seduta accanto a lui, riprende tutta la scena: poi il video si interrompe e, sei minuti esatti dopo, lo schianto contro un furgone in cui sono rimaste uccise tre persone. È quanto successo negli Stati Uniti, a Jersey Village, nel nord-ovest di Houston, in Texas alle 7.53 di domenica mattina: al volante dell’auto, completamente ubriaco, c’era Camilo Morejon, 47 anni, che ora lotta tra la vita e la morte nel letto dell’ospedale. Assieme a lui viaggiavano la compagna Leosveyka Gonzalez, Pedro Martinez e Massel Rodriguez, tutti morti nell’incidente. Ricoverato in gravi condizioni anche Ricardo Rodriguez-Tamayo, l’uomo alla guida del furgone contro cui si è schiantato il 47enne.

“È molto raro vedere quello che accade poco prima di un incidente. Ma questo video racconta cosa stava succedendo in macchina poco prima che quelle vite andassero in frantumi per sempre”, ha commentato il procuratore della contea, Harris Sean Teare, che indaga sull’accaduto. “Crediamo che ci siano probabilmente tre o quattro bar intorno all’area che possono aver contribuito a questo incidente, vendendo l’alcol assunto da Camilo Morejon”. L’uomo è ora accusato di omicidio colposo: se dovesse sopravvivere, rischia una condanna a 80 anni di carcere.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cimitero clandestino con 59 cadaveri “di giovani e adolescenti”: la macabra scoperta

next