Per mesi tutti i medici hanno creduto che la piccola Elizabeth non avesse nulla. Tanto da arrivare a pensare che la bambina di sei anni fingesse di provare dolore solo per poi essere “ricompensata” con un regalo dopo la visita medica. Ma l’istinto materno è spesso infallibile. Così, consulto dopo consulto, alla fine un medico ha scoperto la verità: la piccola ha un raro tumore del sistema linfatico, il Linfoma non Hodgkin.

La storia arriva dalla Gran Bretagna, precisamente da Beechdale, Nottingham, ed è stata raccontata dal Daily Mail. A spiegare il calvario della piccola, andata per otto volte in ospedale prima di ottenere una diagnosi soddisfacente, la mamma Emma, che ha vissuto per mesi tra le urla della figlia, che lamentava dolori atroci alle ossa. “Abbiamo scoperto la malattia solo perché ero consapevole che mia figlia non stava bene. È stato un viaggio terribile e spero che nessun altro genitore debba affrontarlo”, racconta Emma. Solo una volta scoperto un nodulo, e dopo l’ennesimo consulto, la famiglia ha potuto ricevere una giusta diagnosi. La risonanza magnetica, spiegano dal Daily Mail, ha fatto emergere vari disturbi: un’anomalia ossea alla gamba oltre a vari tumori al viso, al cranio e alla mascella. “Sono arrabbiata – ha spiegato Emma – abbiamo combatutto per sette mesi senza che nessuno mi prendesse sul serio”.

Ora Elizabeth sta affrontando la chemioterapia, iniziata ad ottobre. E, dalle foto che hanno in esclusiva i giornali britannici, appare sorridente. “Ma ora – conclude la mamma – dobbiamo continuare a lottare”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Neonato messo per errore nella cella frigorifera dell’obitorio, trovato vivo (e sta bene) dopo sei ore. Aperta indagine

next
Articolo Successivo

La polizia lo sveglia per dirgli che la moglie si è gettata da un ponte: un’ora dopo scopre che è morto anche il figlio di 7 mesi

next