È scattata ieri sera alle 23 la prima notte di coprifuoco in Lombardia. Ma in piazza Duomo e ai Navigli bar e ristoranti hanno iniziato a chiudere ben prima dell’orario stabilito dell’ordinanza. “Abbiamo servito tre persone in tutta la sera”, racconta un cameriere mentre toglie posate e bicchieri rimasti inutilizzati. Poco prima delle 23 in Galleria Vittorio Emanuele c’è chi esce dalla Scala e chi torna a casa dopo il lavoro. Tre vigili urbani invitano la gente a fare in fretta a tornare nelle proprie abitazioni. Si corre per prendere la metro anche se c’è chi non rinuncia a scattare una foto della piazza svuotata. A mezzanotte gli unici ancora in giro sono i rider che aspettano gli ordini davanti a un fast food e gli addetti alle pulizie della città. Per loro la notte è appena iniziata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pedopornografia online, operazione a Trieste: 13 denunce, perquisizioni in 7 regioni

next
Articolo Successivo

Coronavirus, diretta – Gli anestesisti: “Rischio raddoppio ricoveri in 15 giorni, a quel punto sarà crisi”. La Lombardia riduce le operazioni

next