“Saremmo dovuti partire ieri con le prime trenta vaccinazioni, ma non abbiamo ancora ricevuto le dosi”. A dirlo sono alcuni medici di medicina generale milanesi che da giorni sono in attesa delle dosi promesse dalla Regione. Il Direttore Generale dell’Assessorato al Welfare della Regione aveva annunciato che il 19 sarebbe partita la campagna, ma in diversi studi medici non si è visto ancora nulla. Il dottor Maurizio Fagnani ha 450 pazienti da vaccinare: “La farmacia mi ha detto che solo ieri è riuscita a mandare l’ordine. Spero di non finire le mie vaccinazioni quando farà caldo”. Anche nello studio del dottor Mussi non sono ancora partite le vaccinazioni: “Ci hanno detto che prima del dieci di novembre arriveranno solo 100 vaccini, dunque la stragrande maggioranza di persone saranno vaccinate dopo il 15 novembre”. In tempi normali, il ritardo non sarebbe un grande problema da un punto di vista sanitario, ma in questo periodo: “Serve fare le vaccinazioni il prima possibile – spiega il dottor Fagnani – per poter escludere i casi sospetti. Sarebbe un bel filtro per noi”. Con un sistema di tracciamento che vacilla: “Quest’anno sarebbe servito iniziare prima da un punto di vista diagnostico – conclude il dottor Mussi – ma ci è stato impedito”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Veneto punta ad avere un laboratorio tamponi aperto 24 ore su 24 per ogni distretto sanitario: “Così orari più elastici e meno code”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Napoli la protesta di titolari di bar e ristoranti alla vigilia del coprifuoco: “Per noi nessuna tutela, andremo in bancarotta”

next