Sono stati tra i luoghi più colpiti durante la prima ondata. E ora che il virus ha ripreso a correre in tutto il Paese, nelle Rsa torna la paura. Da Nord a sud si moltiplicano i casi di contagio: sono 45 su 58 gli anziani positivi in una casa di riposo a Cortina d’Ampezzo, 11 i morti registrati da inizio ottobre a oggi. Infettati pure 28 operatori su 60. Tutto nonostante ora non manchino né la consapevolezza sulla contagiosità del Covid-19, né le mascherine e gli altri dispositivi di protezione individuale che erano praticamente introvabili nella scorsa primavera. Anche la Rsa “S. Raffaele di Borbona” in provincia di Rieti è diventata un cluster: nelle ultime ore sono risultati positivi al tampone 52 pazienti e 15 operatori. Così si moltiplicano le ordinanze comunali che impediscono nuovamente ai parenti degli anziani di andare a trovarli di persona. L’ultima in ordine di tempo è stata emanata dalla sindaca di PiacenzaPatrizia Barbieri: lo stop rimarrà in vigore “fino al termine dell’emergenza sanitaria in atto”.

Il caso di Cortina – Secondo quanto riferisce il responsabile dell’Rsa di Cortina al Corriere della Sera, “il virus è entrato cogliendo tutti impreparati, soprattutto gli operatori, falcidiati pure loro”. Tutti e tre i piani dell’istituto sono stati contaminati: “Un terremoto”, commenta Angelo Majoni, avvenuto nonostante “ci fossimo attrezzati in modo rigoroso per difenderci dal ritorno dell’epidemia”. In città, invece, il numero dei positivi al Covid è diminuito leggermente, passando da 135 a 132. “I numeri sembrerebbero assestarsi dopo il forte aumento del fine settimana scorso – riferisce il sindaco Gianpietro Ghedina -. Anche i due focolai, quello della Casa di Riposo e quello della sportivi ghiaccio, che sommati incidono per l’80% del totale dei positivi, pare stiano rientrando”.

67 positivi a Rieti – A Rieti è la “Direzione aziendale della Asl ad annunciare i 67 casi di positività nella casa di riposo del comune di Borbona. L’intera struttura, stando a quanto si apprende, è stata isolata. È ancora in corso, da parte del personale sanitario aziendale, l’indagine epidemiologica per contenere l’eventuale diffusione del virus sul territorio cittadino ed escludere nuove positività.

Stop alle visite a Piacenza – Neanche le Rsa emiliane sono state risparmiate. A Piacenza, per evitare che la situazione possa degenerare, la sindaca ha deciso di prendere nuove misure di sicurezza per le case di riposo, i centri diurni per anziani e disabili e per l’assistenza domiciliare. L’ordinanza ferma le visite ai familiari, se non in casi di estrema necessità. Nelle Rsa si prevede inoltre che gli ospiti – laddove le condizioni di salute psico-fisica lo permettano – indossino regolarmente le mascherine, soprattutto nelle aree comuni. Saranno privilegiati i contatti con la famiglia con videochiamate o altri strumenti. I familiari autorizzati ad accedere alle Rsa dovranno rispettare tutte le regole igieniche e comportamentali previste dalla normativa vigente ma nessun visitatore esterno sarà ammesso nel caso di positivi nella struttura. Sospese anche tutte le attività ricreative che comportino la presenza di personale esterno e volontari”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sciopero trasporti, venerdì 23 ottobre il primo d’autunno: possibile paralisi in tutta Italia

next