Non sono mancati fumogeni, lacrimogeni e alcuni incidenti nel primo anniversario del cosiddetto “estallido social” che un anno fa trascinò gran parte della popolazione cilena in proteste e mobilitazioni.

La scintilla era stata la protesta studentesca contro l’aumento dei biglietti della metropolitana ma ben presto il movimento, con diversi gradi di radicalità e di partecipazione, ha egemonizzato la società cilena attorno alla parola d’ordine della “Dignidad” e all’obiettivo di rifare la Costituzione.

Schermaglie e scontri tra manifestanti e polizia in plaza Italia, ribattezzata plaza de la Dignidad, sono diventati un po’ un rituale, ma con il Covid, e dopo l’esaurimento del movimento, ha sorpreso invece la presenza di centinaia di migliaia di persone all’appuntamento dell’anniversario. E’ stato anche un modo per festeggiare l’allentamento del lockdown con l’avvicinarsi dell’estate e per esorcizzare le paure del contagio.

Il frutto più importante dell’estallido social cileno sta per arrivare. E’ il referendum per far nascere una Assemblea Costituente e una nuova Costituzione che si svolgerà domenica 25 ottobre. Era previsto per aprile ed è slittato per il Covid. Nei sondaggi prevale di gran lunga il Sì e l’ipotesi che a fare la nuova Costituzione sia un’Assemblea Costituente da eleggere (a marzo) senza coinvolgere l’attuale Parlamento.

Il reportage fotografico è di un ragazzo di Santiago del Cile di origini peruviane, Johan Alegria, che si guadagna da vivere con le consegne in bicicletta e da un anno documenta con coraggio e professionalità l’estallido e le strade della capitale.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’Irlanda è il primo Paese europeo a tornare in lockdown. L’annuncio del premier: “Misure dalla mezzanotte del 21 ottobre”

next
Articolo Successivo

Guai in vista

next