Ha proclamato di essere “un re” ma il suo “momento di gloria” è durato ben poco. La polizia lo ha arrestato poco dopo per essersi introdotto questa notte nella reggia di Versailles, vicino a Parigi, scalando il muro di cinta e rompendo il vetro di una porta-finestra. L’uomo, di 31 anni, è arrivato in taxi ed è penetrato nel parco del castello attorno alle 22:30: “Brandiva una bandiera e diceva di essere un re“, assicura un testimone oculare dell’intrusione.

La polizia, subito allertata, ha trovato il vetro rotto e l’uomo all’interno dei giardini. Aveva scalato il muro di cinta, secondo le ricostruzioni.
Fonti della reggia di Versailles hanno riferito che non ci sono danni materiali alle collezioni. La portavoce del castello ha riferito che l’uomo “è partito da Parigi per Versailles dicendo all’autista del taxi di aver intenzione di introdursi nel castello”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chemioterapia interrotta per 3 mesi durante la pandemia, mamma 31enne muore

next
Articolo Successivo

“Morirete tutti”. Poi tossisce sugli altri passeggeri: cacciata dall’aereo perché non vuole indossare la mascherina. Il video

next